Sport e acqua alcalina
Dr. Lorenzo Bergami


Nutrire il corpo con determinati alimenti può aiutare a mantenere forte il sistema immunitario. La scienza infatti ha da tempo riconosciuto che le persone che vivono in povertà e sono malnutrite sono più vulnerabili alle malattie infettive. Ci sono ancora però relativamente pochi studi sugli effetti della nutrizione sul sistema immunitario negli esseri umani. Vi sono prove però che varie deficienze di micronutrienti - ad esempio, carenze di zinco, selenio, ferro, rame, acido folico e vitamine A, B6, C ed E - alterano le risposte immunitarie. Per cercare di prevenire raffreddori e influenza, il primo passo dovrebbe quindi far visita ad un negozio alimentare di prodotti locali. Nella spesa non dovrebbero infatti mancare:

Un adeguato stato di idratazione è un “must” per la salute generale, tuttavia è ancora più importante per gli individui che praticano attività fisica e in particolare per gli atleti sottoposti a carichi pesanti e impegnativi, spesso svolti in condizioni ambientali estreme. L'acqua intra ed extra cellulare è responsabile di numerose funzioni nei nostri corpi. L'acqua infatti consente l'omeostasi, facilita la maggior parte delle reazioni biochimiche, consente di diluire numerose particelle e composti; aiuta nel trasporto dei metaboliti e accelera l'utilizzo dei sottoprodotti; gioca anche un ruolo importante nella termoregolazione e nutre e idrata i tessuti e gli organi.

L'idratazione efficace, infatti, determina il corretto funzionamento di tutto il corpo, a riposo e soprattutto durante e dopo l'esercizio. Durante l'attività fisica il calore viene prodotto dai muscoli e da altri organi e deve essere eliminato/dissipato, per non causare ipertermia. Il calore in eccesso prodotto durante l'esercizio deve essere quindi rimosso, e questo per lo più viene fatto attraverso la sudorazione che, di conseguenza, causa una significativa perdita d'acqua.

Ridurre il volume d'acqua del 2% o più durante l’attività sportiva ha conseguenze significative sulle funzioni degli organi e di tutto il corpo. La disidratazione può ridurre la capacità aerobica, può aumentare la pressione sanguigna, può causare mal di testa, può diminuire la concentrazione e la velocità di reazione e può anche influenzare le abilità cognitive nelle discipline sportive che richiedono un pensiero tattico e/o un processo decisionale.

Inoltre lievi variazioni nel livello di pH corporeo possono avere grandi conseguenze sulla salute generale, sulle prestazioni e sul recupero degli atleti. Durante l'allenamento, l'uso continuo di glicogeno muscolare per produrre energia crea acido lattico, acido piruvico e anidride carbonica che riducono il pH dei muscoli.

Più duro è l’esercizio, più velocemente i muscoli “diventano acidi”, portando a stanchezza e riduzione delle prestazioni. Questa acidosi riduce la produzione di ATP (la molecola dell’energia) e interrompe l'attività enzimatica che produce l’energia stessa. L'acidità diminuisce anche la forza muscolare limitando l'azione contrattile delle fibre muscolari stesse. Infatti quando il pH muscolare scende sotto il livello 6,5, il muscolo non è più in grado di funzionare. Infatti mentre il muscolo si avvicina a quel livello, si inizia sentire il calo del pH sotto forma di affaticamento muscolare.

Il vantaggio alcalino
Aumentare il pH del corpo in preparazione e durante le prestazioni atletiche ha mostrato grandi risultati. Gli studi dimostrano che l'acqua alcalina può aumentare l'equilibrio del pH corporeo prima dell'esercizio fisico e creare un ambiente più vantaggioso per le prestazioni atletiche. Questi studi hanno dimostrato i maggiori vantaggi di questa “saturazione” indotta da alcalinità in concomitanza di attività anaerobiche pesanti come sprint e sollevamento pesi.

Benefici atletici
Migliore idratazione.
L'acqua alcalina è costituita da agglomerati di molecole d'acqua molto piccole che sono in grado di idratare il tessuto del corpo e le sue cellule in modo molto più efficace dell'acqua che non è stata ionizzata (molecole più grandi). Un ottimo paragone efficace consiste nel paragonare una palla da calcio che cerca di superare una recinzione a maglie strette rispetto a una pallina da golf… È molto più facile, quindi, che l'acqua alcalina penetri nelle pareti cellulari rispetto alla semplice acqua!

Grande resistenza
Mentre i piccoli agglomerati di molecole d'acqua idratano il tessuto e lo riempiono d'acqua, spingono fuori tutti gli “oggetti estranei” che non appartengono al tessuto stesso, le tossine.

Più energia
C’è una migliore ossigenazione tissutale: l'ossigeno extra che fornisce al corpo si traduce in maggiore prontezza mentale e maggiore energia.

Nello sport, quindi, l'acqua alcalina viene utilizzata per migliorare i livelli di idratazione del corpo e per contrastare l'acidità muscolare. L'idratazione sportiva è diversa dall'idratazione ordinaria perché gli elettroliti vengono consumati più velocemente. Una delle ultime frontiere dell’idratazione sportiva prevede infatti l’idratazione con acqua alcalina utilizzando una combinazione di quest’ultima con polveri elettrolitiche (Mg magnesio, Na sodio, K potassio).

Pre-idratazione
Un'ora prima dell'allenamento, iniziare a bere acqua ionizzata alcalina con un pH maggiore di 9. Questo aiuta ad alcalinizzare e idratare il corpo. Idratarsi normalmente, ma assicurarsi di bere almeno 300 - 400ml di soluzione.

Durante gli allenamenti
Per gli allenamenti, mescolare acqua alcalina con pH 9 o maggiore con un mix di elettroliti in polvere. Come regola generale, bere circa 500 ml di soluzione per ora di allenamento. L'acqua alcalina potenziata dall'elettrolita viene rapidamente assorbita dal corpo.

Per evitare la disidratazione, monitorare il peso corporeo prima, durante e dopo l'allenamento. Evitare di perdere peso eccessivo è veramente importante!

Inoltre ricordare che la disidratazione rallenta. Una perdita di acqua pari al 2% rispetto al peso corporeo, rende più difficoltoso il pompaggio del sangue (effettuato dal cuore).
La disidratazione infatti aumenta la viscosità del sangue.

Per questo la disidratazione cronica è associata allo sviluppo di numerose patologie, compresi infarti e ictus. In un recente studio chiamato: “effetto dell’acqua alcalina ionizzata ad alto pH” sulla viscosità del sangue in adulti sani rispetto ad acqua semplice, i ricercatori hanno trovato qualcosa di sorprendente: l'acqua alcalina avrebbe un effetto idratante pari quasi il doppio della semplice acqua! Nello studio, sono stati esaminati 100 soggetti (50 maschi, 50 femmina) dopo un periodo di disidratazione del 2% indotta dall'esercizio. Ciò che hanno scoperto è stato che durante il periodo di reidratazione della durata di 2 ore, le persone che hanno bevuto acqua alcalina avevano una riduzione della viscosità del sangue del 87,50% rispetto ai bevitori di acqua semplice. I soggetti idratati con semplice acqua non avevano quindi ripristinato i loro livelli di idratazione alla normalità, anche dopo due ore complete. I bevitori di acqua alcalina, invece, avevano effettivamente ripristinato i livelli di idratazione alla normalità entro un'ora della reidratazione!

Altre ricerche condotte all’Università di San Diego rivelano che l'acqua alcalina miscelata con elettroliti, diventerebbe, come detto in precedenza, una potente bevanda utilissima per lo sport. Chi ha usato il mix fatto con acqua alcalina, ha dichiarato e dimostrato di avere molta più resistenza: i soggetti di questo studio sono stati, infatti, in grado di lavorare più duramente e più a lungo rispetto alla controparte; le loro prestazioni inoltre erano significativamente superiori a quelle degli atleti che hanno avevano utilizzato elettroliti con acqua semplice.

In conclusione: bere acqua alcalina in opportune quantità mostra un effetto positivo sullo stato di idratazione dopo l’esercizio fisico con una diminuzione significativa del peso specifico delle urine. L'assunzione di acqua alcalina mostra anche un effetto positivo sul pH delle urine stesse e un utilizzo del lattato molto più efficiente. Il consumo di acqua alcalina è stato associato a un migliore equilibrio acido-base e a un miglior stato di idratazione. Al contrario, i soggetti che hanno consumato “acqua da tavola” non hanno mostrato miglioramenti. Il consumo abituale di acqua alcalina può essere quindi un prezioso vettore nutrizionale che influenza sia l'equilibrio acido-base sia lo stato di idratazione negli atleti in buona salute.

Da anni ormai Strategic Nutrition Center utilizza l’acqua alcalina e informa quotidianamente tutti i suoi clienti riguardo i benefici derivanti dal suo utilizzo. Strategic Nutrition Center è inoltre partner e rivenditore ufficiale di Kangen Water, leader mondiale e produttore di dispositivi per la produzione di acqua alcalina. Vienici a trovare e scopri l’offerta riservata ai nostri clienti!

Per più informazioni: info@strategicnutrition.it

A presto
Dr. Lorenzo Bergami
Contatto